Crea sito

La via del silenzio

Interrompi il tuo silenzio solo se ciò che stai per dire vale più del silenzio che osservi. Questo mio modo di pensare mi ha sempre accompagnata e lo ritengo una ricchezza. Ultimamente una mia cara amica ha definito la foto di ciò che rimane di Corso Umberto I° “la via del silenzio”. Mai definizione fu più appropriata! Un silenzio che è il pianto dei sopravvissuti, il pianto di una madre, di una moglie o di un nonno, il silenzio della strada e del paese ormai desolato, il silenzio che sento dentro quando, camminando per Amatrice, mi ritorna alla mente quando ci camminavo con le mie persone care e il paesaggio era completamente diverso. Un silenzio che ti stritola, che mi fa sentire sola in un posto così diverso da come era e con persone nuove, che non abitavano il posto prima del sisma.

Il silenzio è anche rispetto, decoro e dignità, ciò che sembra non esserci ad Amatrice in questo post elezioni dove tanti, troppi parlano senza capire niente di ciò che è successo, dopo ben 239 morti e tutti noi, abitanti e sfollati, con dentro un grande dolore. Un dolore che sembra incomprensibile a chi fa della parola uno strumento di attacco verso l’ altro senza minimamente rispettare noi e Amatrice stessa, diventata come un Grande Fratello dove sui social si parla come si fosse tra quattro mura, ma così non è e questo incessante parlare dalle ultime elezioni a suon di attacchi e meschinità mi è ormai insopportabile, e lo è a tutti noi del posto che, abbiamo sofferto e soffriamo per le perdite avute. Persone che conoscono Amatrice dal post sisma e altri che non la conoscono affatto si permettono di parlare a nome di Amatrice quando possono parlare solo a proprio nome, come è giusto che sia. Per un terremotato e per la sacralità di un luogo duramente profanato da morte e distruzione è indecente lo spettacolo che si sta dando, in un botta e risposta dove non c è più spazio né per il rispetto dovuto ai nostri morti né per tutti noi cittadini. Cerco di nutrire sempre una speranza nonostante i problemi, quindi spero tutti si rendano conto dell’ importanza di lavorare, ciascuno per le proprie possibilità, per il bene di Amatrice e frazioni, e di quanto sia ancor più importante un rapporto umano che non può prescindere dal rispettoso silenzio, il silenzio pieno di tutto di quando ci guardiamo tra noi terremotati di Amatrice e sappiamo come ci sentiamo senza bisogno di parlare. Mi auguro che gli autori di tante parole e polemiche, dalla politica locale alle persone del posto e di fuori, riflettano su ciò che è successo e finalmente trovino un dialogo propositivo e ancor più decoroso nel rispetto della tragedia successa. Non trovo giusto parlare a nome di una comunità, anche se si tratta della mia, ma una cosa voglio dirla a nome di tutti: chiedo scusa io per gli altri ai nostri deceduti, spero da Lassù cerchino di capire la miseria umana che sta avvolgendo il nostro paese in questo momento e che ci aiutino affinché cessi presto.

Emanuela Pandolfi